TwitterFacebookGoogle+

Usa: Obama firma legge,protezione privacy anche per alleati

(AGI) – Washington, 25 feb. – Nel pieno della bufera per le intercettazioni americane ai danni di Silvio Berlusconi quando era premier, il presidente Usa, Barack Obama, ha controfirmato lo ‘Judicial Redress Act’, la legge che garantira’ agli europei e ai cittadini di Paesi alleati la stessa protezione in America in fatto di ‘privacy’ assicurata ai cittadini americani. Di fatto la legge consente ai cittadini stranieri il diritto di contestare l’uso improprio dei loro dati personali nei tribunali americano. Gli americani gia’ godono di diritti simili diritti nella maggior parte degli Stati membri dell’Ue.
Obama ha detto che la nuova legge consente di avere dati protetti dalle legge statunitensi sulla privacy “non solo ai cittadini americani, ma anche a quelli stranieri”.
Il provvedimento era chiesto come prerequisito ed e’ da considerare come una dimostrazione di disponibilita’ americana nei confronti dell’Ue che lavora a sostituire il Safe Harbour, bocciato lo scorso autunno dai giudici europei, alla luce delle preoccupazioni nell’Unione per il trattamento dei dati personali. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.