TwitterFacebookGoogle+

Usa: preso il killer della strage"E' un suprematista bianco"

(AGI) – Roma, 18 giu. – Dopo una lunga caccia all’uomo in South Carolina, e’ stato arrestato dalla polizia il presunto autore della strage razzista in una chiesa della comunita’ afroamericana di Charleston. Lo riferisce la Cnn. Si tratta del 21enne suprematista bianco Dylann Roof, fermato in North Carolina. Dylann Roof ha ucciso sei donne e tre uomini, tra cui il pastore della chiesa, un membro democratico del Senato della South Carolina, Clementa Pinckney, 41 anni e padre di due figli.

South Carolina: uno Stato terrorizzato da 19 gruppi razzisti

Il reverendo era stato uno dei simboli della veglia per Walter Scott, il giovane nero disarmato ucciso da un agente bianco a Charleston lo scorso aprile, un caso che aveva suscitato dure proteste contro la polizia. Sulla strage in chiesa indaga anche l’Fbi e la polizia l’ha definita un “crimine di odio” razziale. Nelle foto diffuse dagli investigatori, si vede un giovane con i capelli castani a caschetto, sul metro e 80 di altezza, una felpa grigia a maniche lunghe, pantaloni neri e scarpe marroni. L’assassino e’ fuggito a bordo di un’automobile nera e la polizia ha diffuso la foto e i dati del giovane.

A riconoscere per primo il killer e’ stato lo zio. Il ragazzo sarebbe stato arrestato a marzo per accuse di droga e, secondo la testimonianza dello zio, gli era stata regalata una pistola calibro 45 per il suo compleanno, nell’aprile scorso. In una foto sul suo profilo Facebook, il giovane indossa una giacca con le bandiere del Sudafrica dell’apartheid e della Rhodesia. Teatro del massacro, la Chiesa episcopale metodista African Emanuel, che si autodefinisce sul proprio sito web come una delle congregazioni nere piu’ grandi e antiche a sud di Baltimora. L’aggressore e’ rimasto circa un’ora nella chiesa durante una lettura della Bibbia prima di aprire il fuoco sui fedeli. Ieri nella citta’ si trovava Hillary Clinton.

“Notizia terribile da Charleston”, ha twittato il candidato democratico alla Casa Bianca, esprimendo vicinanza ai familiari delle vittime. “Io e la mia famiglia preghiamo per le vittime della tragedia di questa notte”, ha affermato il governatore dello Stato, la repubblicana Nikki Haley. “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per le persone e le famiglie colpite dai tragici eventi di Charleston”, ha scritto sul suo profilo twitter il candidato repubblicano alle primarie Jeb Bush, che ha annullato tutti gli eventi odierni della sua campagna, compreso uno in programma proprio a Charleston. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.