TwitterFacebookGoogle+

Usa verso stretta su vendita armi a sospetti terroristi

Washington – Sull’onda della strage di Orlando, prima parziale vittoria dei democratici americani per limitare l’accesso alle armi: a breve il Senato Usa esaminerà due proposte di legge per limitare l’accesso alle armi per chi è sospettato di terrorismo e per controllare i precedenti penali di chi le acquista. L’accordo, che spiana la strada a un possibile voto del Congresso, arriva sulla scia del massacro a Orlando, in Florida, di 49 persone da parte di un uomo armato con dichiarate simpatie islamiste. L’assassino, Omar Mateen, che era stato interrogato e messo sotto sorveglianza più volte dall’Fbi per possibili legami con terroristi, ma era riuscito ad acquistare le sue armi legalmente. I democratici, che sono in minoranza al Senato, mercoledì hanno messo in campo un’azione di ostruzionismo, per convincere i colleghi ad accettare di prendere in considerazione le due proposte di legge. I repubblicani probabilmente presenteranno proprie proposte di legge sulla stessa linea. “Siamo arrivi a un punto in cui voteremo su questi importanti emendamenti”, ha annunciato il senatore Chris Murphy, che ha tenuto una maratona oratoria di 14 ore per arrivare al voto sulle proposte di legge. Murphy, eletto in Connnecticut, dove un folle uccise 20 bambini alla Sandy Hook Elementary School nel 2012, guida il fronte che chiede una maggiore regolamentazione nell’accesso alle armi da fuoco. “Sarebbe stato inaccettabile che avessimo continuato a legiferare per l’intera settimana come se fosse irrilevante questa ‘epidemia’ di violenza da armi da fuoco, diventata piu’ reale che mai”. Alle 01:53 ha dichiarato su Twitter la sua vittoria: “sono orgolioso di annunciare che, dopo piu’ di 14 ore, avremo un voto per chiudere questa falla” nella legislazione. E poi ha reso omaggio alle vittime della scuola, in particolare a una delle piccole vittime, Dylan Hockey, e una giovane maestra, Anne Marie Murphy, che aveva cercato disperatamente di proteggerlo. “Non ci vuole coraggio a stare qui, su suolo americano, per due, sei o quattordici ore. Ci vuole coraggio per guardare negli occhi di uno che spara e invece di scappare, stringere le braccia attorno a un bambino di 6 anni e accettare l morte Se Anne Marie Murphy h potuto fare cio’, chiedete a voi stessi cosa potete fare per far si’ che Orlando o Sandy Hook non accadano ancora””. Nel frattempo, anche il probabile candidato repubblicano alla Casa Bianca, Donald Trump -ferocemente contrario a cambiare il Secondo emendamento della Costituzione americana, che garantisce il diritto a possedere e portare armi- potrebbe votare a favore di una norma di questo tipo. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.