TwitterFacebookGoogle+

Usa,la Corte Suprema dice si’ ai matrimoni gay Obama: “Vittoria di tutti”

Articolo di Federico Rampini (Repubblica 27.6.15)

“NEW YORK – «È una vittoria per l’America, una decisione-fulmine, da oggi la nostra unione nazionale è più perfetta». Barack Obama reagisce con gioia alla storica sentenza della Corte suprema: il matrimonio gay è un diritto costituzionale. Nessuno può negarlo agli americani, neanche un voto del Congresso o dei singoli Stati. I guardiani della Costituzione, dichiara Obama, «hanno riaffermato che tutti gli americani sono eguali davanti alla legge, hanno le stesse protezioni, hanno diritto allo stesso trattamento, chiunque essi siano e chiunque essi amino». Il presidente sceglie la scenografia solenne del Giardino delle Rose, alla Casa Bianca, per celebrare questa pagina di storia. In tutta l’America all’annuncio della sentenza centinaia di coppie gay si presentano negli uffici governativi per celebrare il matrimonio: finora legale in 37 Stati, da ieri in tutti e 50.

È il culmine di una battaglia per i diritti dei gay che solo negli ultimi anni ha avuto un’accelerazione decisiva. Ancora nel 2008 una maggioranza dell’opinione pubblica si diceva contraria alle unioni omosessuali; in quell’anno perfino la California liberal ebbe un referendum in cui vinsero 52% contro 48% gli avversari dei matrimoni gay.
Un contributo decisivo lo diede Obama, dichiarandosi apertamente per le unioni omosessuali nel 2012, prima della sua rielezione alla Casa Bianca. Da allora i sondaggi hanno visto un ribaltamento spettacolare, in particolare fra i giovani che a stragrande maggioranza sono favorevoli. Il pronunciamento della Corte suprema corona una settimana ricca di vittorie per il presidente: prima ha incassato il voto del Congresso che gli consente di firmare il trattato di libero scambio con l’Asia-Pacifico; poi la stessa Corte ha sventato un ricorso per invalidare la sua riforma sanitaria. Il tris di successi rilancia Obama, consolida il bilancio della sua presidenza, poche ore prima di un appuntamento ben più triste con la storia: il funerale di Charleston, dove Obama rende omaggio al pastore ucciso da un suprematista bianco.
La battaglia costituzionale sui diritti dei gay si è chiusa 5 a 4, ha spaccato in due la più alta magistratura americana. La Corte ha una maggioranza di giudici nominati dai presidenti repubblicani, sulla carta gli equilibri sono a favore della destra; e i repubblicani con rare eccezioni osteggiano i matrimoni gay o quantomeno difendono il diritto dei singoli Stati di vietarli. Perciò è stato cruciale il voto del giudice Anthony Kennedy, repubblicano nominato da Ronald Reagan nel 1988, ma indipendente e capace di modificare gli equilibri schierandosi coi 4 colleghi democratici. Proprio com’è accaduto questa volta. È stato Kennedy a scrivere il dispositivo della sentenza: «Come dimostrano i casi giunti davanti a noi, il matrimonio è il simbolo di un amore che può durare anche oltre la morte. Sarebbe un’incomprensione di questi uomini e di queste donne, sostenere che non rispettano l’idea del matrimonio. Loro chiedono di avere pari dignità davanti alla legge. La Costituzione garantisce loro questo diritto. Non possono essere condannati a vivere nella solitudine, esclusi da una delle più antiche istituzioni della civiltà».
A riprova del durissimo scontro avvenuto in seno alla Corte, ciascuno dei giudici sconfitti ha voluto pubblicare il proprio parere dissenziente, un fatto rarissimo. E per la prima volta in 10 anni il giudice capo, il repubblicano John Roberts, ha voluto anch’egli motivare il proprio voto di dissenso. Non ha preso apertamente posizione contro i matrimoni gay, ma ha sostenuto che non toccava alla Corte suprema farlo: «Cinque giudici hanno chiuso un dibattito e hanno imposto la propria visione del matrimonio come un dettato costituzionale». Il più virulento tra i 4 dissenzienti è stato il giudice italo-americano Antonin Scalia, di estrema destra: nel suo parere ha denunciato «un golpe giudiziario». Scalia ha attaccato il collega Kennedy sbeffeggiando il suo «linguaggio da biscotti porta- fortuna» (quelli dei ristoranti cinesi; in italiano l’equivalente sarebbero i messaggi nei Baci Perugina).””

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.