TwitterFacebookGoogle+

Vaccinarsi è una scelta personale (secondo Zaccagnini)

Non siamo anti-vaccinisti, ma ognuno dovrebbe essere libero di decidere in modo consapevole cosa fare. Adriano Zaccagnini, deputato Mdp riassume così la sua posizione sul tema dei vaccini, a margine della Conferenza stampa alla Camera dei Deputati “Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza” da lui promossa e finita nell’occhio del ciclone nei giorni scorsi. 

“La nostra è una posizione nuova all’interno del dibattito italiano inquinato sulla questione vaccini si vaccini no. Non siamo per l’obbligatorietà dei vaccini ma, come per altri Paesi del Nord Europa, siamo per la libertà di scelta e per l’uso consapevole di questi”, ha affermato Zaccagnini. “I vaccini – ha poi ammesso – sono un importante strumento, un traguardo della medicina, ma vanno usati con buonsenso e soprattutto dopo che sono stati effettuati gli accertamenti scientifici riguardo i danni da somministrazioni multiple. Non se ne può abusare”.

Leggi anche: Tutte le bufale sui vaccini dagli anni ’90 ad oggi

Le colpe dell’Aifa (secondo Zaccagnini)

Ed è proprio sugli accertamenti che insiste Zaccagnini, puntando il dito proprio contro l’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) che dal 2014 “non produce dati” sulle reazioni avverse. “Ci aspettiamo dall’Aifa le tabelle delle reazioni avverse e tutta una serie di dati che dimostrino che la vaccino-vigilanza sia stata fatta in maniera attiva come impone la legge”, ha detto Zaccagnini, aggiungendo di aver richiesto i documenti due volte dal 2014 attraverso interrogazioni parlamentari: “Questa mattina ho ricevuto un riscontro dall’Aifa che mi ha dato appuntamento per consegnarmi i dati richiesti. “E’ una prima vittoria”. “Le reazioni avverse esistono, esiste un fondo ministeriale che riconosce gli indennizzi, esistono i danneggiati riconosciuti. Queste storie non possono essere occultate”, ha affermato Zaccagnini.

Campagne vaccinali incomplete

Ma non è solo l’Aifa il bersaglio delle critiche del deputato Mdp: le campagne vaccinali del ministero della Salute “devono essere fatte in modo da fornire ai genitori tutte le informazioni corrette”, mentre nelle Asl “deve essere disponibile del materiale fruibile per far conoscere i rischi e le controindicazioni”

Perché la polemica sulla conferenza

La decisione di organizzare una conferenza alla Camera dei Deputati ha innescato una bufera mediatica, soprattutto perché Zaccagnini in passato è diventato popolare per le sue affermazioni sul legame tra autismo e vaccini e per le accuse all’Aifa di nascondere informazioni importanti sulle controindicazioni. A buttare benzina sul fuoco, poi, era stato anche il titolo della conferenza, poi modificato: “l’Altra verità” sui vaccini.

Quella di Zaccagnini è un “iniziativa personale” ha precisato Francesco Laforgia, capogruppo del MDP alla Camera, prendendo le distanze dalla conferenza. “Come gruppo e come movimento sosteniamo i vaccini senza nessuna ambiguità. È stato scorretto da parte del nostro deputato non avvisarci prima della sua iniziativa, sono sbavature che non ci possiamo permettere”. 

Per il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, queste persone “cercano di dare visibilità a tesi basate sul nulla, su dicerie anti scientifiche contestate da tutta la comunità e dagli istituti internazionali. I risultati, i danni di questa informazione fasulla purtroppo si vedono con il gravissimo ritorno di malattie che erano state debellate proprio grazie ai vaccini, come il morbillo o la polio. Nonostante gli allarmi lanciati dall’Oms e in tutti i paesi occidentali ci ritroviamo a dover contrastare le falsità sul web e conferenze stampa imbarazzanti”

Diverse le richieste di annullare la conferenza arrivate alla presidente della Camera Laura Boldrini, che su Twitter ha fatto sapere: “Gestione sala stampa @Montecitorio non dipende da me. Non ho potere di autorizzare né negare uso. Ma su #vaccini la disinformazione è pericolosa”. Poi giovedì è tornata a dire la sua sul tema con un altro tweet: 

Essere informati è un diritto, essere disinformati è un pericolo. Aderisci anche tu a https://t.co/DLSFeSB2Zc #vaccini #bastabufale (s)

— laura boldrini (@lauraboldrini) 13 aprile 2017

Per il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini Zaccagnini è un irresponsabile. Una posizione che non sorprende considerando che lo scoso novembre la sua Regione ha introdotto i vaccino come critierio di ammissione all’asilo.

Il deputato Mdp Zaccagnini semplicemente irresponsabile.
Io orgoglioso di aver introdotto vaccinazioni obbligatorie nei nidi @RegioneER

— Stefano Bonaccini (@sbonaccini) 13 aprile 2017

La comunità scientifica

Contro la conferenza anche la comunità scientifica che fa notare come dal mese di gennaio 2017 è stato registrato un preoccupante aumento del numero di casi di morbillo, che sono più che triplicati, proprio a causa del calo di vaccini. A fronte degli 844 casi segnalati nel 2016, dall’inizio dell’anno sono già stati registrati più di 700 casi, con un incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in cui si erano verificati 220 casi, di oltre il 230%.

Leggi anche: Triplicati i casi di morbillo in Italia, colpa del crollo dei vaccini

Chi è Adriano Zaccagnini

Nato nel 1982 a Roma, Adriano Zaccagnini è dallo scorso 28 febbraio deputato di Movimento Democratico e Progressista, il partito fondato dai ‘fuoriusciti’ del PD, tra cui Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza. Prima di approdare a MDP, Zaccagnini aveva militato in Sinistra Italiana -Sinistra Ecologia e Libertà dal 2014 al 2016, nel gruppo misto dal 2013 al 2014 e prima ancora nel Movimento 5 Stelle che poi giudicherà un’organizzazione politica “ne’ democratica ne’ trasparente con un vertice di destra inamovibile”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.