TwitterFacebookGoogle+

“Valuteremo ricorso”. L’Uaar sulla sentenza del Tar Sardegna

«Brutta, decisamente una brutta sentenza».

La responsabile iniziative legali dell’Uaar, Adele Orioli, commenta la decisione del Tar della Sardegna che ha respinto il ricorso presentato dalla stessa associazione contro l’ordinanza emessa dall’amministrazione comunale di Mandas (Cagliari) il 23 novembre 2009 che imponeva l’affissione del crocifisso in tutti gli uffici pubblici.

«Il sindaco aveva già ritirato il provvedimento ma noi siamo voluti andare avanti per affermare un principio: quello della laicità delle istituzioni. Il Tar ci ha dato torto appellandosi alla sentenza del 18 marzo 2011 della Grande Camera della Corte europea per i diritti dell’uomo che però — sottolinea Orioli — fa riferimento alle aule scolastiche e non agli uffici pubblici».

«Non escludiamo — prosegue quindi — di fare appello al Consiglio di Stato e, perché no, fino alla stessa Corte Edu a Strasburgo circa la fondatezza o meno dell’interpretazione estensiva attuata dal Tar».

«La giustizia amministrativa già ci aveva abituato a definizioni singolari, per usare un gentile eufemismo, come quella del crocifisso simbolo di laicità», conclude la responsabile Uaar. «Certo è che suona strano appellarsi, come sembrerebbe fare il Tar, alla libertà di religione per affermare la legittimità della presenza obbligatoria di un peculiare simbolo religioso nei pubblici uffici di uno Stato che dovrebbe essere laico, almeno sulla carta. Il Tribunale vede un potenziale conflitto tra la “cultura dei diritti dell’uomo” e i “fondamenti religiosi della civiltà europea” e ritiene di poterlo risolvere con l’imposizione di una sola confessione a tutti. Per tutti quelli che non sono d’accordo, l’Uaar non si fermerà qui».

Comunicato stampa

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.