TwitterFacebookGoogle+

Vatileaks, arriva la “nota spese” vaticana per il rapimento Orlandi

I quotidiani Repubblica e Corriere della Sera divulgano un documento che appare confezionato come una “patacca”, contenente il rendiconto del quasi mezzo miliardo di lire che la Santa Sede avrebbe speso per gestire la permanenza all’estero di Emanuela. La Segreteria di Stato smentisce: «Notizie false e prive di fondamento»

Pubblicato il 18/09/2017
andrea tornielli
Città del Vaticano

Che il caso di Emanuela Orlandi, la giovanissima figlia di un dipendente vaticano scomparsa misteriosamente nel centro di Roma nel giugno 1983, sia un mistero mai chiarito intessuto di ricatti e depistaggi, è un fatto oggettivo e ben documentato. Che tra le persone a vario titolo coinvolte nella triste e oscura vicenda – trasformatasi in un caso internazionale con l’interesse dei servizi di intelligence di mezzo mondo e presunte connessioni con l’attentato a Papa Wojtyla e la vicenda Ior-Ambrosiano – vi sia chi non ha ancora raccontato tutta la verità, è altrettanto certo. Ora la storia si arricchisce di un nuovo capitolo, un documento destinato ad aumentare confusione e veleni.

Lo hanno pubblicato in contemporanea la Repubblica online (come anticipazione di un nuovo libro del giornalista dell’Espresso Emiliano Fittipaldi) e Il Corriere della Sera cartaceo, con articoli nei quali già si ammette che potrebbe trattarsi di un falso depistante. Si tratta di un documento su carta semplice, senza intestazioni ufficiali, né timbri né firme manoscritte, composto da cinque pagine e datato marzo 1998, intitolato «Resoconto sommario delle spese sostenute dallo Stato Città del Vaticano per le attività relative alla cittadina Emanuela Orlandi (Roma 14 gennaio 1968)». A redigerlo – indirizzandolo all’allora Sostituto della Segreteria di Stato Giovanni Battista Re e per conoscenza all’allora “ministro degli Esteri” Jean Louis Tauran – sarebbe stato il cardinale di origini novaresi Lorenzo Antonetti, dal 1995 alla fine del 1998 Presidente dell’APSA (l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, che funge anche da ente pagatore del Vaticano).

La lettera sarebbe stata accompagnata da 197 pagine di fatture e giustificativi (non più presenti), contiene l’inquietante rendiconto delle spese che il Vaticano avrebbe sostenuto per gestire il rapimento di Emanuela Orlandi e la sua permanenza all’estero, in vari convitti, nonché le spese sborsate per indagare su un dichiarato “depistaggio”, per le indagini private, per non meglio precisate (e milionarie) attività espletate dall’allora Segretario di Stato Agostino Casaroli e dall’allora Vicario di Roma Ugo Poletti.

Il documento su carta semplice, senza intestazioni ufficiali, né timbri né firme manoscritte, composto da cinque pagine e datato marzo 1998, intitolato «Resoconto sommario delle spese sostenute dallo Stato Città del Vaticano per le attività relative alla cittadina Emanuela Orlandi (Roma 14 gennaio 1968)»

Innanzitutto, viste le date sommarie poste all’inizio delle singole pagine, si afferma che le attività sarebbero iniziate nel gennaio 1983, dunque mesi prima della scomparsa della ragazza: quasi un’ammissione del fatto che il Vaticano era coinvolto nell’organizzazione del rapimento. Si parla di milioni messi a disposizione di Teofilo Benotti per gestire i rapporti con la stampa interessata al caso, di spese per visite ginecologiche, di trasferte che all’allora capo dei Gendarmi vaticani, Camillo Cibin, a Londra, in compagnia del medico personale del Papa Giovanni Paolo II, Renato Buzzonetti: si presume per visitare la Orlandi. Infine, altro aspetto inquietante, è rappresentato dalle spese finali, datate 1997: «Attività generale e trasferimento presso Stato Città del Vaticano, con relativo disbrigo pratiche finali: L. 21.000.000». Il che lascerebbe supporre che nel 1997 Emanuela sia arrivata Oltretevere e da qui mai più uscita.

Da dove proviene questo testo? Dall’archivio di monsignor Lucio Vallejo Balda, il prelato spagnolo nominato segretario della Prefettura per gli Affari economici della Santa Sede e divenuto anche segretario della commissione COSEA che tra il 2013 e il 2014 fece uno screening sui conti e la gestione amministrativa di enti e dicasteri vaticani. Vallejo Balda, che volle la pr Francesca Immacolata Chaouqui al suo fianco nella commissione, è stato con lei protagonista (e imputato) di Vatileaks 2, il processo vaticano seguito alla pubblicazione in due libri usciti contenenti tutte le carte della commissione.

Secondo le fonti consultate da Vatican Insider, Balda conservava quel documento e dopo lo strano furto con scasso subito negli uffici della Prefettura 29 e il 30 marzo 2014, aveva confidato a più persone che tra il materiale trafugato c’era anche un dossier su Emanuela Orlandi. Sempre da quanto risulta a Vatican Insider, il dossier non era però presente nel plico di carte restituite alla Prefettura dopo il furto, e rimesse al loro posto da Vallejo Balda.

Va detto subito, a scanso di equivoci, che se il contenuto del dossier fosse vero, e cioè se i vertici della Santa Sede davvero avessero avuto un ruolo determinante nella gestione del rapimento e dell’occultamento di Emanuela, continuando a nascondere la verità, il Vaticano dovrebbe essere non riformato, ma definitivamente chiuso: non si sta infatti qui parlando di nepotismi, dell’assunzione di parenti, di affari poco chiari, di appalti gonfiati per la ristrutturazione di appartamenti, di deviazioni sessuali (tutte pratiche, sia chiaro, esecrabili, da condannare e da perseguire). Si sta parlando di reati gravissimi tali da richiamare l’epoca dei Borgia.

Se si prende però in esame il documento, i conti che non tornano sono tanti. A cominciare dall’intestazione: il cardinale Antonetti, veterano della diplomazia curiale e già nunzio a Parigi, si sarebbe rivolto all’arcivescovo Re chiamandolo «Sua Riverita Eccellenza…». Ora, in Vaticano anche gli uscieri assunti da una settimana sanno che lo spagnolesco e vetusto codice dei titoli episcopali prevede che a un vescovo ci si rivolga chiamandolo «Sua Eccellenza Reverendissima». Inoltre, il secondo nome di monsignor Tauran è scritto sbagliato: Luis invece di Louis (e questo è altrettanto strano da parte di un capo-dicastero che scrive a un’alta personalità della Segreteria di Stato: l’ex nunzio in Francia avrebbe dimenticato il francese). Ma i dubbi veri sono di sostanza. Ammettiamo per un istante che la sostanza dei fatti riferiti sia vera. Per quale motivo nel 1998, con un’inchiesta della magistratura romana ancora in corso, i vertici della Santa Sede coinvolti (in questo caso la Segreteria di Stato) avrebbe chiesto all’APSA un rendiconto completo delle spese dell’operazione, con fatture e pezze d’appoggio senza nomi in codice, aumentando così il numero delle persone informate sui fatti e le possibili fughe di notizie? E ancora, sempre supponendo che la sostanza sia vera, per quale motivo la Segreteria di Stato avrebbe gestito un’operazione del genere usando l’APSA come ente pagatore, e non utilizzando invece i fondi riservati (Fondo Paolo VI) a sua disposizione per le emergenze?

Tutto lascia dunque intendere che il documento sia falso (a meno di non pensare che il cardinale Antonetti lo abbia volutamente fabbricato con errori per farlo passare per falso). Quello che è certo è che si trovava nell’archivio di monsignor Balda e che dunque qualcuno l’aveva confezionato e l’aveva consegnato a lui. Ovviamente un testo del genere viene fabbricato per depistare o per ricattare, mescolando particolari veri o verosimili, con altri che sono inventati.

Il cardinale Giovanni Battista Re, presunto destinatario di quelle carte, ha dichiarato al blog Stanze Vaticane del Tgcom24: «Non ho mai visto quel documento pubblicato da Fittipaldi, non ho mai ricevuto alcuna rendicontazione su eventuali spese effettuate per il caso di Emanuela Orlandi». Mentre il portavoce vaticano, Greg Burke, ha definito «falsa e ridicola» la ricostruzione pubblicata come anticipazione del libro di Fittipaldi su Repubblica, un comunicato della Sala Stampa della Santa Sede diffuso in serata afferma che: «La Segreteria di Stato smentisce con fermezza l’autenticità del documento e dichiara del tutto false e prive di fondamento le notizie in esso contenute. Soprattutto rattrista che con queste false pubblicazioni, che tra l’altro ledono l’onore della Santa Sede, si riacutizzi il dolore immenso della famiglia Orlandi, alla quale la Segreteria di Stato ribadisce la sua partecipe solidarietà».

Resta un dato di fatto: a cinque anni dall’elezione di Papa Francesco dopo un conclave che aveva messo a tema la volontà di chiudere con i miasmi e i veleni curiali emersi nel primo Vatileaks, la stagione delle fughe di documenti e dei depistaggi non sembra affatto conclusa. Anzi, si tratta di attività fiorente come non mai.

http://www.lastampa.it/2017/09/18/vaticaninsider/ita/vaticano/vatileaks-arriva-la-nota-spese-vaticana-per-il-rapimento-orlandi-UBaBJJHJzsymG0YVWbx3RM/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.