TwitterFacebookGoogle+

Vatileaks, chieste quattro condanne dai promotori di giustizia vaticani

I pm vaticani chiedono il carcere per Vallejo Balda, Chaouqui, Maio e Nuzzi. Per l’altro giornalista, Fittipaldi, è stata invece avanzata la richiesta di assoluzione per insufficienza di prove. Nei prossimi giorni la sentenza. Lombardi: «Chaouqui ispiratrice e responsabile delle condotte contestate»

04/07/2016 –
francesco peloso –
CITTA’ DEL VATICANO –

Il processo ’Vatileaks 2’ sul trafugamento e la diffusione all’esterno di documenti riservati dal Vaticano, è ormai giunto alle sue battute conclusive. Oggi è stato il giorno delle requisitorie e delle richieste dei promotori di giustizia (paragonabili ai pubblici ministeri),Gian Pietro Milano e Roberto Zannotti, nei confronti degli imputati. Quattro le richieste di condanna che riguardano monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui, entrambi ex membri della Cosea (la «Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative»),del loro ex collaboratore Nicola Maio e del giornalista Gianluigi Nuzzi, autore del volume “Via Crucis”, nel quale sarebbero finiti diversi documenti conservati in Vaticano e in particolare alcuni custoditi dalla Cosea. Quest’ultima è l’organismo istituito da papa Francesco poco dopo la sua elezione con l’obiettivo di studiare e mettere a punto una serie di riforme nelle strutture finanziarie della Santa Sede.

Nello specifico si chiede la pena di tre anni e un mese per monsignor Lucio Angel Vallejo Balda; tre anni e nove mesi per Francesca Immacolata Chaouqui; un anno e un mese per Nicola Maio; un anno per il giornalista Gianluigi Nuzzi. E’ stata invece chiesta l’assoluzione per insufficienza di prove per il secondo giornalista imputato, Emiliano Fittipaldi, autore di un altro volume “Avarizia” sugli scandali finanziari e patrimoniali del Vaticano chiamato in causa nel processo sempre per presunti rapporti con gli altri imputati. Domani e mercoledì sono previste altre due udienze conclusive con il pronunciamento della sentenza. Il processo aveva preso il via lo scorso novembre.

«È surreale. Che altro posso dire? Domani ci sarà la nostra arringa e vedremo». Questo il commento a caldo di Francesca Chaouqui.

Prima di fare il suo ingresso nell’aula del tribunale, Chaouqui aveva dichiarato: «Aver portato mio figlio con me nel tribunale vaticano non è una provocazione, ho necessità di allattarlo ogni tre ore ma in ogni caso lui è il protagonista fin dal primo giorno di questa vicenda in quanto si è voluto agire contro una donna incinta». Chaouqui aveva dunque varcato l’ingresso del Perugino spingendo la carrozzina con il figlio nato da poche settimane, Pietro Elijah Antonio. «Ascolteremo quello che hanno da dire i promotori, intanto io sono qui», aveva anche aggiunto l’ex consulente vaticana che rischia la condanna oltre che per divulgazione dei documenti anche per associazione a delinquere.

All’udienza di oggi, durante la quale sono state rese note le richieste dei promotori di giustizia vaticani, ha fatto seguito una nota di padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa delal Santa Sede che riassume quanto avvenuto. «Oggi, lunedì 4 luglio, con inizio alle ore 15.40, presso l’Aula del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano – si legge nel testo – si è avviata la fase conclusiva del processo in corso per la divulgazione di notizie e documenti riservati. Erano presenti, oltre al Collegio giudicante (i proff. Giuseppe Dalla Torre, Piero Antonio Bonnet, Paolo Papanti-Pellettier e Venerando Marano) e al Promotore di Giustizia (proff. Gianpiero Milano e Roberto Zannotti),tutti gli imputati: Angel Lucio Vallejo Balda, Francesca Immacolata Chaouqui, Nicola Maio, Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi. Erano presenti tutti e cinque gli avvocati: Emanuela Bellardini, Laura Sgrò, Rita Claudia Baffioni, Lucia Teresa Musso e Roberto Palombi».

«L’Udienza – afferma padre Lombardi – è stata interamente dedicata alla requisitoria del Promotore di Giustizia. Le conclusioni illustrate dai due Promotori hanno portato a richieste di condanna per il reato di associazione criminale – limitatamente a Vallejo Balda, Chaouqui e Maio – indirizzata alla rivelazione di notizie e documenti riguardanti interessi fondamentali dello Stato (artt.248 e 116-bis cod. pen.),mentre i giornalisti erano accusati per concorso nella divulgazione di documenti attraverso la pubblicazione dei libri Avarizia (Fittipaldi) e Via Crucis (Nuzzi)».

Quindi un’ulteriore importante specificazione sulle pene richieste. «Per mons. Vallejo Balda è stata richiesta la condanna ad anni tre e mesi uno di reclusione. Per la dott.ssa Chaouqui, ritenuta ispiratrice e responsabile delle condotte contestate, sono stati richiesti anni tre e nove mesi di reclusione». Ancora «per il dr. Maio, in considerazione del limitato ruolo avuto nella vicenda, è stata chiesta la condanna ad anni uno e nove mesi di reclusione, per i giornalisti si è ritenuto di differenziare, in ragione di quanto emerso dall’istruttoria e dalla fase dibattimentale, le due posizioni, concludendo con una richiesta di assoluzione per insufficienza di prove per Emiliano Fittipaldi e con una richiesta di condanna ad un anno di reclusione, con sospensione condizionale della pena, per Gianluigi Nuzzi». Gli interventi dei difensori degli imputati si ricorda infine, inizieranno domattina, martedì, alle 9.30 e continueranno mercoledì pomeriggio alle 15.30. Fittipaldi contesta «il principio stesso per cui è stato fatto questo processo perché è un attacco specifico non a due giornalisti, poteva esserci chiunque al posto mio e di Nuzzi, è un attacco specifico alla libertà di stampa». Parole accolte negli ambienti della Santa Sede con una certa sorpresa, alla luce della richiesta di assoluzione «che dimostra che in Vaticano c’è uno stato di diritto».

http://www.lastampa.it/2016/07/04/vaticaninsider/ita/vaticano/vatileaks-chaouqui-per-me-chiesti-anni-e-mesi-surreale-ciK6RxglBPyRXkJMAACwuM/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.