TwitterFacebookGoogle+

Venezia, il sindaco Brugnaro mantiene la promessa: “Via le favole gay dalle scuole”

Il sindaco di Venezia ritira dalla scuola i libri che contengono “favole arcobaleno”. E chiarisce: ” A casa i genitori possono fare quello che vogliono”

L’aveva promesso durante la campagna elettorale, ora il sindaco Luigi Brugnaro, attuale sindaco di Venezia, è passato all’azione mantenendo le promesse.

Una delle prime misure disposte dal primo cittadino è stata quella di togliere tutti i libri che contengono le cosiddette “favole arcobaleno” dalle scuole materne ed elementari del territorio veneziano. Si tratta di quei libricini che vennero acquistati dall’amministrazione comunale precedente su input della consigliera delegata alla Lotta alla discriminazione Camilla Seibezzi.

I libricini in questione contavano una spesa di 10.000 euro per piccoli volumi che sarebbero dovuti finire tra gli scaffali degli istituti e che avrebbero dovuto insegnare ai più piccoli ad accettare e soprattutto a rispettare le differenze di genere. Favole in cui, per esempio, due pinguini maschi covavano lo stesso uovo, o un cagnolino sognava da grande di fare la ballerina. Al tempo scoppiarono feroci polemiche che spaccarono in due anche la maggioranza in Comune.

Il sindaco è fermo sulla sua posizione. Sostiene infatti che “a un bambino non puoi chiedere di fare queste cosa qua. I genitori poi sono liberi di fare le loro scelte. Parlarne è possibile nei convegni, negli ambiti della cultura. Poi la libertà di scelta degli adulti deve essere massima. Il bambino deve trovarsi a scuola in un ambiente sereno e tranquillo, dopodiché nelle loro case chiameranno i genitori papà 1 e papà 2, mamma e mamma 2. Possono fare quello che vogliono. Noi – ha concluso – incoraggeremo tutto ciò che vuol dire integrazione, ma dobbiamo pensare anche alla maggioranza delle persone. Io non me la dimentico di sicuro”.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/sindaco-contro-favole-gay-togliamo-quei-libri-dalle-scuole-1144799.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.