TwitterFacebookGoogle+

Ventimiglia: migranti di nuovo sugli scogli, sgomberata pineta

(AGI) Genova, 30 set. – Un centinaio di persone e’ stato sgomberato da Carabinieri e Polizia dalla pineta nella zona di Ponte San Ludovico, a Ventimiglia, a pochi metri dal confine francese. Il blitz e’ avvenuto all’alba. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, l’area e’ stata posta sotto sequestro. Le persone sgomberate sono sia migranti sia giovani attivisti italiani e francesi del movimento “No Borders” che da qualche mese si sono erano accampati sotto gli alberi, di fronte agli scogli dei Balzi Rossi. Secondo quanto si e’ appreso, nessuno ha opposto resistenza. Hanno accettato di lasciare la scogliera dei Balzi Rossi, grazie alla mediazione del vescovo di Ventimiglia i migranti e gli attivisti no border sgomberati questa mattina dalle forze dell’ordine dalla pineta antistante gli scogli, dove erano accampati da oltre due mesi. Questa mattina all’alba, durante il blitz per sequestrare l’area a pochi metri dal confine italo-francese, una settantina di persone e’ fuggita sugli scogli per sfuggire a carabinieri e agenti di polizia. Sul posto e’ poi arrivato il vescovo, monsignor Antonio Suetta che, dopo una lunga trattativa, nel pomeriggio ha convinto migranti e attivisti ad allontanarsi dalla scogliera. Circa 50 profughi sono stati accompagnati al centro di prima accoglienza gestito dalla Croce Rossa nella zona della stazione ferroviaria di Ventimiglia. Gli attivisti, invece, una quarantina in tutto, sono stati accompagnati in Commissariato per l’identificazione. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.