TwitterFacebookGoogle+

Vino aiuta a prevenire artrite, ma birra aumenta rischio

(AGI) – Londra, 21 set. – Le persone che bevono vino hanno meno
probabilita’ di soffrire di artrosi del ginocchio, mentre i
bevitori di birra sono piu’ a rischio artrite. Lo ha scoperto
un gruppo di ricercatori della Nottingham University in uno
studio pubblicato sulla rivista Arthritis Research Therapy. Per
arrivare a queste conclusioni gli studiosi hanno esaminato le
abitudini di consumo di 2mila uomini e donne di eta’ compresa
tra i 45 e gli 86 anni con artrite del ginocchio o artrite
dell’anca. Questi dati sono stati confrontati con quelli di
mille persone sane. Dai risultati e’ emerso che, rispetto a chi
non beve birra, coloro che hanno consumato piu’ di 20 unita’ a
settimana di birra hanno il 93 per cento di probabilita’ di
soffrire di artrite del ginocchio. Non solo. Gli stessi
bevitori di birra sono risultati piu’ a rischio di soffrire di
problemi all’anca. Al contrario, coloro che hanno consumato dai
4 ai 6 bicchieri di vino a settimana hanno avuto il 44 per
cento di probabilita’ in meno di sviluppare l’artrite del
ginocchio, mentre coloro che hanno bevuto almeno 7 bicchieri
alla settimana hanno avuto un rischio dimezzato. I ricercatori
non hanno ancora capito il perche’ di questo collegamento. Una
delle ipotesi piu’ accreditate fa riferimento agli
antiossidanti presenti nel vino, chiamati polifenoli, che
possono avere un effetto protettivo. Mentre l’acido urico,
associato al consumo di birra, potrebbe essere responsabile
dell’impatto dannoso. “Il consumo di birra sembra essere un
fattore di rischio per l’artrosi del ginocchio e dell’anca,
mentre il consumo di vino ha un’associazione negativa con
l’artrite al ginocchio”, hanno concluso i ricercatori. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.