TwitterFacebookGoogle+

Violentata e annegata in piscina

Benevento –  E’ stata violentata Maria Ungureanu, la bimba di 9 anni trovata morta nella piscina di un agriturismo a San Salvatore Telesino. Lo hanno accertato i medici legali Monica Fonzo e Claudio Buccelli, che hanno condotto l’autopsia e consegneranno una relazione entro 90 giorni per consentire anche lo svolgimento di esami tossicologici. La presenza di acqua nei polmoni ha confermato anche che la bimba è morta annegata: gettata quindi in acqua ancora viva e lasciata li’ a morire. 

Un operaio romeno di 20 anni è indagato per omicidio e violenza sessuale su minori: è stato interrogato a lungo ieri sera dai carabinieri del comando provinciale di Benevento e poi rilasciato dopo aver fornito una dettagliata descrizione dei suoi movimenti nella serata di domenica, quando è stato ritrovato il corpo di Maria. L’avviso di garanzia gli è stato notificato in mattinata dalla procura della Repubblica di Benevento, che ha disposto anche il sequestro della sua abitazione, a poca distanza dalla chiesa di Maria Assunta, dove la bimba, figlia di una coppia di romeni, era stata vista l’ultima volta viva.

Sequestrata anche l’auto del giovane, che ha ammesso di aver fatto compagnia alla bimba che conosceva bene, ma di averla lasciata dopo un giro in macchina verso Telese Terme, nei pressi della chiesa di San Salvatore. L’iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto, precisano fonti investigative, per consentire al giovane di nominare un perito di parte che potesse assistere all’autopsia.

Le dichiarazioni rilasciate dal ventenne durante l’interrogatorio avrebbero permesso di stabilire alcuni punti fermi sulle ultime ore di vita della piccola. Maria ha incontrato il giovane appena uscita dalla chiesta dell’Assunta, che si trova a poca distanza dall’abitazione dell’operaio; i due si conoscevano bene e sarebbe stata proprio Maria a chiedergli di farle compagnia. L’operaio aveva però in mente di raggiungere un’amica a Telese Terme e la bimba lo avrebbe accompagnato. I due non avrebbero raggiunto la cittadina termale, perché il tragitto era impegnato per una gara podistica. Insieme sarebbero quindi rientrati a San Salvatore Telesino, dove il giovane ha detto di aver lasciato Maria nei pressi della chiesa assieme ad altre bambine, che ha indicato agli investigatori. Poi il romeno avrebbe trascorso la serata a Castelvenere con il fratello e sarebbe rincasato intorno alle 2 del mattino di lunedì. 

In serata la procura di Benevento potrebbe riconsegnare la salma, ora all’ospedale “Rummo” di Benevento, ai genitori. La bimba e’ stata ritrovata nella piscina di un agriturismo, chiuso per riposo settimanale, nella notte tra domenica e lunedi’, nuda. I suoi vestiti erano piegati vicino al bordo della vasca e accanto vi erano le scarpe. 

I carabinieri del Racis di Roma oggi hanno compiuto altri rilievi nell’agriturismo. Anche da questi potrebbero emergere elementi utili alle indagini: l’agriturismo era chiuso per riposo settimanale, ma la piscina non era ancora attiva, benché la vasca fosse piena. Nonostante l’area sia recintata, esistono diversi punti di accesso e gli investigatori stanno cercando tracce del passaggio della bimba e di eventuali altre persone. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.