TwitterFacebookGoogle+

Virginia Raggi non è all'altezza. Ora lo dice anche Pechino

Da quando è salita al Campidoglio, Virginia Raggi ha dimostrato di non essere all’altezza delle aspettative: le capacità amministrative sbandierate in campagna elettorale non sono reali. Lo scrive oggi il “Quotidiano del Popolo“, organo ufficiale del Partito Comunista Cinese, in un editoriale a firma di Zhongsheng (traducibile come “Voce della Cina”), lo pseudonimo che tradizionalmente esprime la linea politica dei massimi livelli del governo di Pechino: “La propaganda elettorale della Raggi non corrisponde alle sue reali capacità amministrative”. La Raggi non e’ l’unica a ricevere una bacchettata dalla stampa cinese. L’editoriale, infatti, prende di mira il crescente sentimento anti-globalizzazione che attraversa l’Europa, a partire dalla Francia dove la candidata del Front NationalMarine Le Pen, ha di recente dichiarato che il sistema globale capitalista “è al capolinea” e crea nuovi schiavi per fabbricare prodotti da vendere a disoccupati.  “Le Pen è solo l’ultimo di una lunga serie di politici che sfrutta a suo favore l’insoddisfazione dei cittadini verso la lenta ripresa dell’economia e le disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza”, scrive Zhongsheng.

“I Paesi europei hanno perso la loro direzione”

Brexit, le elezioni in Usa nel 2016, la campagna per le presidenziali in Francia e in Germania: sono sintomi della stessa malattia. “È da politici irresponsabili acuire le sfide generate dalla globalizzazione economica; la politicizzazione delle questioni economiche genera gravi conflitti sociali”, scandisce l’editoriale. L’insorgere del populismo è la “peggiore risposta ai problemi della globalizzazione: i paesi europei hanno perso la loro direzione”. Virginia Raggi è il peggior esempio di questa specie, si legge nell’editoriale. L’Europa non deve perdere il focus sulle riforme strutturali. Il sentimento anti-globalizzazione “alimentato dai movimenti politici di estrema destra” non può che “creare ulteriori problemi. I governi dei paesi europei devono pensarci due volte prima di fare scelte poco sagge. E dovrebbero impegnarsi a integrare sempre di piu’ i propri paesi nel sistema internazionale”. La globalizzazione economica è un trend da cui non si può scappare, aveva dichiarato il presidente cinese, Xi Jinping, durante l’apertura dei lavori del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, il 17 gennaio scorso. “Un tempo anche la Cina aveva dubbi sulla globalizzazione, ma siamo arrivati alla conclusione che l’integrazione è un trend storico”, ha spiegato Xi, aggiungendo che la Cina deve avere la forza di nuotare “nel vasto mare dei mercati globali”. La Cina ha imparato a nuotare ed è stata “la scelta strategica giusta: l’economia globale e’ il mare da cui non si puo’ scappare”, ha spiegato Xi.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.