TwitterFacebookGoogle+

Volo in ritardo o cancellato? I casi in cui il rimborso del biglietto è dovuto

Rimborso del prezzo del biglietto, assistenza garantita, nuova prenotazione su un altro volo e in alcuni casi indennizzo fino a 600 euro. Sono alcune delle tutele previste dalla Carta dei diritti del passeggero dell’Ente nazionale dell’aviazione civile (Enac), in caso di disservizio, cancellazione, imbarco negato e ritardo prolungato del volo. Scopriamo quindi nel dettaglio in quali casi si ha diritto ad essere risarciti:

Sciopero o cancellazione del volo

In caso di cancellazione del volo o in caso di sciopero, ci sono diverse chance. Innanzitutto è possibile chiedere alla compagnia il rimborso totale del biglietto oppure di essere imbarcati su un volo alternativo non appena possibile o in altra data di proprio gradimento. Tutto questo non impedisce di chiedere un indennizzo monetario, che varia in base alla data della partenza e alla tratta.

Se la compagnia non ha provveduto ad offrire un volo alternativo che consente di partire non più di due ore prima dell’orario previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di quattro ore dopo l’orario d’arrivo previsto, si può ottenere un indennizzo tra i 250 e i 600 euro. Si tratta di una compensazione pecuniaria che viene calcolata in base alla distanza percorsa:

  • 250 euro, per le tratte inferiori a 1500 km;
  • 400 euro, per le tratte intra-Ue superiori a 1500 km e per le tratte comprese tra 1500 e 3500 km;
  • 600 euro, per voli intra-Ue superiori a 3500 km.  

Se la compagnia offre di partire tra più di 15 giorni, non si ha diritto ad alcun indennizzo.

In caso di sciopero sono previsti inoltre:

  • pasti e bevande nell’attesa dell’imbarco
  • sistemazione in albergo in caso di pernottamento forzato
  • trasferimenti da e per l’aeroporto

I bambini non accompagnati e le persone con difficoltà motorie hanno diritto a ricevere assistenza prima degli altri.

Quando la compensazione non è obbligatoria

La compagnia può ridurre l’ammontare della compensazione del 50% se al passeggero viene offerta la possibilità di viaggiare su un volo alternativo il cui orario di arrivo non superi un monte ore che va da 2 a 4 rispetto a quello originale. La compensazione non è dovuta:

  • se la compagnia può provare che la cancellazione è stata causata da circostanze eccezionali,
  • se il passeggero è stato informato della cancellazione con almeno due settimane di preavviso o tra 2 settimane e 7 giorni prima della data di partenza
  • nel caso in cui venga offerto un volo alternativo che parta non più di 2 ore prima rispetto a quello previsto e arrivo al massimo 4 ore dopo.

Imbarco negato per overbooking

In questo caso la compagnia ha l’obbligo di fare un appello tra i passeggeri per verificare se vi siano dei volontari disponibili a cedere il proprio posto in cambio di benefici da concordare. Se non dovesse esserci nessuno disposto a scendere dall’aereo, il passeggero rimasto a terra ha diritto a una compensazione pecuniaria:

  • un rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata
  • una riprenotazione il prima possibile o in una data successiva più conveniente per lui 
  • assistenza pasti
  • alloggio

Ritardo prolungato del volo

Nel caso di ritardo prolungato del volo, il passeggero ha diritto all’assistenza. Il diritto all’assistenza viene riconosciuto in base alla tratta e alla distanza percorsa:

  • voli intracomunitari inferiori o pari a 1.500 km, ritardo del volo di almeno 2 ore;
  • voli intracomunitari superiori a 1.500 km, ritardo del volo di almeno 3 ore;
  • voli internazionali inferiori o pari a 1.500 km, ritardo del volo di almeno 2 ore;
  • voli internazionali tra 1.500 e 3.500 km, ritardo del volo di almeno 3 ore;
  • voli internazionali superiori a 3.500 km, ritardo del volo di almeno 4 ore.

Se il ritardo è di almeno 5 ore, il passeggero può rinunciare al volo senza dover pagare penali e ottenere il rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.