TwitterFacebookGoogle+

Volo scomparso Malaysia Airlines: governo malese, "fu un incidente"

(AGI) – Roma, 29 gen. – Il governo malese ha ufficialmente classificato come “un incidente” la scomparsa dell’aereo della Malaysia Airlines sparito nel nulla l’8 marzo 2014 e ha annunciato l’avvio delle procedure per il risarcimento dei familiari delle 239 persone che si trovavano a bordo, di cui e’ stata dichiarata la morte presunta. Resta pero’ il mistero sulla sorte del volo MH370 malese che si sarebbe inabissato nel sud dell’Oceano Indiano dopo un cambio di rotta di cui non e’ mai stata fornita alcuna spiegazione.

Il direttore generale dell’Aviazione Civile malese, Azharuddin Abdul Rahman, ha dato l’annuncio “con un peso sul cuore e il piu’ profonde dolore” e ha ammesso che e’ “altamente improbabile” che vi siano superstiti. Del resto mesi di ricerche del Boeing 777 -sparito dai radar poco dopo il decollo dalla capitale malese Kuala Lumpur, alla volta di Pechino- non hanno dato alcun frutto, anche se c’e’ ancora chi spera che possa essere atterrato da qualche parte.

L’annuncio delle autorita’ malesi consentira’ alle famiglie di passeggeri e membri dell’equipaggio di avviare le pratiche per i risarcimenti. Immediata la reazione della Cina, il Paese che aveva bordo il maggior numero di propri cittadini, 153: il ministero degli Esteri ha chiesto alla Malaysia di “rispettare i suoi obblighi per il risarcimento delle famiglie” delle persone a bordo ma anche di “rimanere assolutamente impegnata nelle ricerche”. Il premier cinese, Li Keqiang, ha riaffermato la disponibilita’ a “fare tutti gli sforzi possibili” per recuperare il relitto e le salme dei passeggeri.

I familiari delle vittime cinesi non ne vogliono sapere di chiudere il caso, uno dei piu’ grandi misteri della storia dell’aviazione civile, accettando gli indennizzi. “Non accettiamo queste conclusioni, che prove hanno per stabilire che e’ stato un incidente? Devono continuare a indagare. Vogliamo la verita’”, ha dichiarato Steven Wang, portavoce dei familiari dei passeggeri cinesi. “Credo che nessuno accettera’ (il risarcimento economico). Io per primo. Non hanno alcuna base per chiudere questo caso”, ha denunciato Wang, che perse la madre sull’aereo maledetto. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.