TwitterFacebookGoogle+

Yara: mamma in aula "non dava confidenza a estranei"; il padre il lacrime

(AGI) – Bergamo, 11 set. – Maura Panarese, mamma di Yara Gambiraio, e’ la prima familiare della vittima ad essere stata sentita nel corso della seduta in corso stamattina del processo a Massimo Bossetti, accusato di avere rapito e ucciso la ragazzina. La donna ha iniziato ricostruendo le abitudini della figlia: “Avevamo un rapporto normale, con alcuni litigi come capita a tanti. Frequentava la palestra con ragazzine piu’ piccole di lei e altre piu’ grandi. Negli ultimi due mesi aveva deciso di lasciare il catechismo. Frequentava spesso la palestra nei pressi della quale e’ stata rapita, aveva gli allenamenti il lunedi’ e mercoledi’, a volte ci andava da sola a piedi o in bici, altre la accompagnavo io in auto”.

Il padre di Yara ricorda le ultime ore della figlia e scoppia a piangere

La bambina aveva abitudini regolari: “Si svegliava alle 6,45, andava a scuola e tornava con il papa’ e’ un’amica, io portavo il piccolo. Il lunedi’ pomeriggio Yara andava in palestra, il martedi’ a scuola di latino, mercoledi’ tornava a casa nostra e pranzava con due amiche e i venerdi’ (giorno del rapimento, ndr) tornava in palestra”. Una ragazza senza “niente di strano” e molto attenta a non dare confidenza agli estranei.

Yara Gambirasio: tutte le notizie nell’Archivio – Agi

“Lei non aveva un computer personale – ha detto la mamma di Yara – e non era su Facebook, aveva solamente un cellulare vecchio. Lo controllavo e non ho mai notato nulla di strano. Lei era rimasta impressionata dal caso di Sarah Scazzi e questo fu un’occasione per parlare in famiglia su come comportarsi. Le dissi di entrare in un negozio e di chiedere aiuto se si fosse sentita in pericolo e di non accettare mai passaggi in auto anche da persone conosciute. Yara non mi ha mai parlato di aver conosciuto persone piu’ grandi e non ha mai accettato passaggi”. Maura Panaese ha detto non aveva mai visto Bossetti: “Non l’ho mai visto in giro. Il giorno dell’arresto io e mio marito ci siamo chiesti chi fosse”.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.