TwitterFacebookGoogle+

Yemen: premier Bahah conferma dimissioni, due militari uccisi

(AGI) – Sana’a, 29 gen. – Il primo ministro yemenita, Khaled Bahah, ha confermato quest’oggi le proprie dimissioni, rassegnate all’indomani della presa del palazzo presidenziale da parte delle milizie sciite Ansar Allah, legate al movimento Houthi. Lo riferisce l’emittente satellitare “al Arabiya”. Insieme al premier, aveva dato le dimissioni anche il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi, che ha gia’ confermato la propria decisione tre giorni fa. Nel frattempo, la stessa “al Arabiya” riferisce del rapimento di diversi studenti che ieri manifestavano contro gli Houthi all’Universita’ di Sana’a. Secondo fonti locali, alcuni dei dimostranti sarebbero stati percossi e arrestati dai miliziani dopo aver intonato slogan contro il “confessionalismo” nel centro della capitale. Intanto, due militari yemeniti sono stati uccisi e altri due feriti oggi da presunti militanti di al Qaeda nella provincia centrale di Maarib, dove sono concentrate le riserve di gas e petrolio del paese. E’ quanto riferito da una fonte ufficiale yemenita. Negli ultimi giorni e’ proseguita verso la provincia di Maarib l’avanzata dei ribelli sciiti Houthi che hanno occupato i principali centri del potere a Sana’a e costretto alle dimissioni il premier, Khaled Bahah e il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.