TwitterFacebookGoogle+

Zimbabwe: a Obama 146mila firme, estradate killer del leone Cecil

(AGI) – Roma, 31 lug. – L'”affare” Cecil – il leone dello Zimbabwe ucciso da un dentista americano nel parco nazionale Hwange – approda alla Casa Bianca. Ha infatti superato le 146mila firme la petizione all’Amministrazione Usa affinche’ il cacciatore di frodo Walter James Palmer venga estradato in Zimbabwe e sia sottoposto a un processo. La petizione necessitava di 100mila firme entro il 27 agosto per ottenere una risposta; un numero – appunto – ampiamente superato. “Sollecitiamo il segretario di Stato John Kerry e il ministro della Giustizia, Loretta Lynch, a cooperare pienamente con le autorita’ dello Zimbabwe e ad estradare tempestivamente Walter Palmer”, si legge nella petizione. Il governo di Harare ha gia’ presentato la richiesta di estradizione. “Ci appelliamo alle autorita’ responsabili affinche’ quel bracconiere straniero ci sia consegnato e possa cosi’ essere chiamato a rispondere del proprio atto illegale”, ha affermato il ministro per l’Ambiente del Paese africano, Oppah Muchinguri. Cecil era un maturo leone molto amato da turisti e appassionati, diventato l’icona del parco. La sua uccisione a inizio mese – per mano del dentista originario di Minneapolis, in Minnesota – ha suscitato un’ondata di sdegno internazionale. Palmer, ritornato negli Usa prima che l’incidente venisse alla luce, e’ attualmente irreperibile. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.