TwitterFacebookGoogle+

Zimbabwe: Grace Mugabe coinvolta in uno scandalo sul traffico di avorio

Lo ha svelato il domenicale Sunday Mail con un’inchiesta poi confermata dalla polizia.

L’ex first lady dello Zimbabwe.

Pubblicato il 25/03/2018 –
Lorenzo Simoncelli –
Città del Capo –

L’ex first lady dello Zimbabwe, Grace Mugabe, nonché moglie dell’ex presidente Robert Mugabe, è coinvolta in uno scandalo che la vedrebbe a capo di un traffico illegale di avorio verso Cina, Stati Uniti ed Emirati Arabi. Lo ha svelato il domenicale Sunday Mail con un’inchiesta poi confermata dalla polizia che, però, non ha aggiunto ulteriori dettagli. Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, nemico giurato di Grace, che aveva tentato di avvelenarlo pur di succedere il marito una volta morto, ha chiesto alle autorità di aprire al più presto un’indagine. Adrian Steirn, fotogiornalista australiano, autore di numerose inchieste sul traffico illegale di avorio in Zimbabwe, si è infiltrato nella gang criminale ed è riuscito ad arrivare alla cupola dell’organizzazione e lì è arrivata la scoperta inattesa.

Grace Mugabe, conosciuta per la sua avidità e le spese folli, avrebbe fatto valere la sua carica di first lady, per spedire l’avorio verso numerose destinazioni, etichettando i pacchi come regali per Capi di Stato ed evitando così i controlli sia negli aeroporti che alle dogane. Una volta giunti a destinazione avrebbero, poi, imboccato la via del mercato nero. La stessa organizzazione criminale capeggiata da Grace Mugabe sarebbe responsabile anche di traffico di oro e diamanti. Tra il 2013 ed il 2016 si stima che 900 elefanti siano stati uccisi in Zimbabwe, di questi 400 esemplari furono trovati avvelenati dal cianuro nel parco nazionale di Hwange. La strage è rimasta incompiuta e non erano stati trovati colpevoli. Non ci sono commenti da parte di Grace Mugabe che, per la prima volta, senza la protezione del marito Presidente rischia davvero grosso. Pochi giorni fa Robert Mugabe, nonostante i 94 anni compiuti da poco, ha rilasciato la prima intervista dopo la destituzione dello scorso novembre, accusando l’ex braccio destro Mnangagwa di aver ordito “un brutale colpo di Stato”. Tra pochi mesi lo Zimbabwe andrà al voto e chiunque sia il vincitore è probabile che la protezione avuta fino a qui da Grace svanisca con il passare del tempo.

http://www.lastampa.it/2018/03/25/esteri/zimbabwe-grace-mugabe-coinvolta-in-uno-scandalo-sul-traffico-di-avorio-7W47d59waLZJVvlvKwtMIK/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.